Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘free’ Category

Ebbene si, anche Toronto ha i suoi ROM, anzi, il suo Royal Ontario Museum, che avevate pensato?!?
Scherzi a parte, ieri sono finalmente stato al museo che, fra l’altro, e’ a dieci minuti da casa mia.
Il mercoledi’ dalle 4.30pm a chiusura alle 5.30pm e’ gratuito, e si vede che viene apprezzato.
Decine di persone affollano, in maniera moderata, l’ingresso del museo.
Entro e mi trovo di fronte Triceratopi, Tirannosauri, Brontosauri e altri scheletri.
Le stanze accanto sono piene invece di uccelli, una grotta mostra l’habitat dei pipistrelli, alcuni bambini hanno paura di entrare mentre i genitori dicono “tranquillo, io sono qui”, davvero scene simpatiche.

La cosa bella e’ stata l’interattivita’, c’erano alcuni oggetti palesemente ricostruiti e altri originali che potevi toccare (oltre alla zona bambini), come la mandibola dello squalo (piccolo) che una ragazza dello staff del museo mi ha invitato a prendere in mano.
Limitata (o forse non ho fatto in tempo a vedere tutto) invece la parte europea mentre gli Egizi hanno la loro bella area.

La sera invece festicciola di pochi eletti per salutare Anna che sabato prendera’ il volo per la vecchia Italia.
Il prossimo saro’ io.

Annunci

Read Full Post »

Alla fine solo stanotte (stamattina) sono riuscito a dormire a casa nuova.
Questo fine settimana e’ stato particolarmente intenso, e’ anche un long week-end, il 1 settembre e’ Labour Day, giorno di festa nel Nord America.
Sabato primo giorno al Festival. A meta’ pomeriggio con Irma, Theresa (Toronto) e Sascha (Berlino) abbiamo passato tutto il pomeriggio per College st. a prendere un po’ in giro i diversi spettacolini anni 50-60 per poi dirigerci verso il main stage al concerto Taranta Power, molte le persone, gran parte delle quali molto anziane, sedute davanti al palco, con buona probabilita’ si aspettavano la tarantella che avevano lasciato decenni fa nelle loro terre, cosi’ non e’ stato, ovviamente.
Sia Theresa che Sascha, pur non capendo molto, hanno apprezzato la performance, chiedendoci anche il nome dell’artista, per approfondire.

Dopo cena, lasciati i due stranieri, ci siamo reincontrati col gruppo, l’ora tarda ha richiesto le magie per rimediare qualcosa di alcolico vicino all’hotel, per fortuna la fata turchina era con noi ed e siamo riusciti a bere qualcosa.
A notte tarda i mezzi scarseggiano a Toronto, siamo rimasti in albergo con i ragazzi.

La mattina di ritorno a casa per una doccia rinfrescante (fa caldo..), io poi avevo il mio appuntamento con il solito gruppo di CouchSurfing, persone meravigliose devo dire.
Era un meeting al Kensington Market per un’altra sessione di Free Hugs, questa zona e’ piena di vita easygoing, e ieri era proprio la giornata senza auto, centinaia e centinaia di persone per le strade dell’area e una 15ina di folli muniti di cartelli con su scritto “Free Hugs” (Abbracci Gratis), e di abbracci gratis ce ne sono stati davvero tanti, situazione decisamente migliore di quella scorsa in Dundas Square.

Finito il pomeriggio di abbracci in 6-7 siamo andati a prendere qualcosa da bere, io mi sono poi staccato per raggiungere Roberto e gli altri della band, rinchiusi in un recinto abbiamo potuto bere una birretta.

Il concerto e’ stato decisamente piu’ coinvolgente, sotto cassa vecchini, giovani e bambini, ci siamo fatti coinvolgere volentieri.

Birretta dopo cena in zona albergo e poi a letto.
Purtroppro le cose sono un po’ precipitate nelle ultime ore, ma era comprensibile dopo mesi stressanti di tour.
Devo dire che mi sono divertito in questi giorni, non mi aspettavo certo quello che e’ successo e sono contento di come sono andate le cose (quasi tutto ecco:)

Read Full Post »

Oggi solito tran tran, mattina al lavoro, sono riuscito a portare la valigia grande a casa nuova, ho comprato il porta incenso che cosi’ tolgo un po’ di puzzo dall’area dormitorio e la mascherina per gli occhi per dormire decentemente.
Domani mattina e’ il turno dell’ultima borsa e, se non piove, anche la bici, e sono a posto!

Dopo il party a scuola per l’ultimo giorno (ci hanno dato da mangiare e bere praticamente solo troiai) ci siamo spostati all’Istituto Italiano di Cultura, quello davanti alla mia futura casa e il futuro lavoro di Irma.

C’era una sorta di conferenza con Eugenio Bennato (che ho scoperto essere un fisico) e la Taranta Power, la platea quasi piena di 70enni rimasti ai loro 20 anni. Mezz’ora di ritardo ma ne e’ valsa la pena. Bennato ha iniziato a parlare (anche in inglese e quasi meglio del Direttore….), qualche demo dello spettacolo di domani (ah gia’, non l’ho detto, domani c’e’ la festa a Little Italy su College st., oltre alla Taranta Power altre cose italiane agghiaccianti) e qualche domanda non troppo vispa da parte del pubblico ultrasettantenne.

Finita la conferenza sia io che Irma abbiamo intrattenuto rapporti interpersonali con i componenti e la componente della band. Lei vera calabrese, io mezzosangue, siamo finiti, grazie ad uno dei componenti del gruppo, a cena con tutti loro da Giovanni’s (ristorante italiano, ovviamente, dove fra l’altro lavora l’altro italiano col mio stesso permesso), pasto, risotto al pesce per esser precisi, offerto da Radio Chin, altro pilastro della comunita’ italiana a Toronto.

I componenti devo dire che sono davvero uno spettacolo, simpaticissimi, domani comunque andiamo a vederli e magari ci facciamo pure il giro turistico insieme, se si riprendono dal sonno.
Ci sono un paio di commenti buffi che forse e’ meglio che non scrivo, nel caso chiedete.

Insomma, abbiamo svoltato cendando con la Taranta Power, che buffo, tutto mi aspettavo tranne questo.
Poi forse Eugenio ce l’ha un po’ con me, che gli ho finito il bicchiere di grappino spagnolo.. ;)

Tornto a casa e mi trovo il padrone sbronzo, ha saputo che mi trasferisco in una confraternita, anche lui mi ha chiesto se conoscevo il film Animal House, ha guadagnato 100 punti (ne aveva persi 100.000, siamo a -99.900).
Dall’altra parte del mondo dovevo stare per incontrare questi personaggi :)

nota: da domani dormo a casa nuova
nota2: questo e’ il 60esimo post che scrivo

Read Full Post »

Giornata interessante, iniziata alle 12.00 in Dundas Sq, al Free Hugs Day (Abbracci gratis), eravamo in cinque ma in qualche modo devo inziare a frequentare i locali no? :) Per dure ore (altri hanno continuato io ho abbandonato il campo) abbracciato un sacco di locali e turisti, molti ci guardavano un strani ma e’ stato bello cosi’.
Guarda le foto.

Dopo la capatina quotidiana in biblioteca mi sono fermato a College Park (e’ a meta’ downtown, accessibile da un po’ ovunque) a leggere un po’ con le birre, appena acquistate per l’invito al barbecue pomeridiano/serale, come compagne di panchina.
Birra, vino e alcolici qui li puoi comprare solo in negozi appositi, il che e’ un po’ pacco per noi abituati a trovarli ovunque, ma vabbe’.

Il barbecue e’ andato bene direi, oltre a Viviana che avevo conosciuto l’altro giorno c’erano il suo compagno ed altri due ragazzi easygoing, come si dice qua, tutti italiani, con cui abbiamo passato una bella serata anche in giro per Yorkville, zona molto bellina a nord di downtown e da cui probabilmente prendero’ qualche contatto per la mia permanenza in questa citta’.

Read Full Post »