Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for luglio 2008

Ricevuta

Niente di che, ieri giornata piuttosto vuota, tranne per il fatto che nella cassetta della posta (quella fisica) ho trovato una ricevuta della Canada Post, non mi hanno trovato a casa e devo andare a ritirare un pacco.
Non aspetto altro quindi direi che e’ il libro che avevo ordinato dall’Italia!

Si, lo so, mi accontento di poco..

nota: GreyHound e’ la compagnia di autobus che uso per i viaggi su strada. Guardate un po’ cos’e’ successo..

Read Full Post »

Dunque, non so se sapete (od ho gia’ scritto) che da queste parti il caffe’, chiamiamolo cosi’, e’ una parte importante di ogni momento della giornata di tutti, non c’e’ attimo in cui le varie caffetterie, grandi e piccole, non sono piene di persone intente ad acquistare l’agognata bevanda. Bicchieroni di carta che da noi verrebbero considerate di grandi dimensioni qui sono medie/piccole. Io che gia’ ne bevo poco qui preferisco decisamente una cioccolata calda (small size ovviamente) all’acqua sporca.
Per questo motivo molti girano con la propria tazza ultratecnologica, anti freddo, anti caldo, col foro per fare in modo da non versarla mentre bevono per strada, grandi e piccoli hanno il proprio contenitore di bevande calde.
Questa era la premessa.
Oggi pomeriggio, uscito da lavoro, mentre passeggiavo per Bloor street, nei negozi sotto terra ho notato una ragazza con una sua tazza, una tazza molto simile a questa:

e sembrava ci fosse anche il cucchiaino.
Tutto e’ possibile ovviamente, come un bambino di 8-9 anni di ieri pomeriggio al supermercato in pigiama.

Poi oggi mi sono beccato il tamarro in decappottabile con la radio che suonava a tutto volume uno dei capolavori di Laura Pausini.

nota: questo l’ho trovato su craigslist.org. Paura.

Read Full Post »

Oggi volevo andare a vedere un po’ di bici in qualche negozio, leggendo un articolo di blogTO sono capitato da Set Me Free, vicino ad High Park. Mi sono fatto un bel giretto, aria da respirare a pieni polmoni, cani e bambini under 3 piu’ o meno ovunque, piu’ che un parco e’ un bosco nella/vicino alla citta’ di Toronto. Pensavo di perdermi, ma seguendo la strada e’ stato difficile.

Avevo la testa che mi esplodeva quindi sono tornato a casa presto. Ci tornero’.

nota: High Park e’ leggermente fuori downtown Toronto, la differenza fra il centro sciccoso e la semi-periferia e’ visibile ad occhio nudo, case, persone, negozi, oggetti, ti accorgi che non sei nel centro della citta’.

Read Full Post »

Oggi il tempo e’ stato un po’ creativo, da intimorire la mattina, bello parte del pom e diluvio serale.
Come mi ha detto una volta Viviana “Se non ti piace il clima di Toronto, apetta 10 minuti” ed e’ vero!
Intanto il mio ombrello dopo aver affrontato 4 minuti di pioggia e vento si e’ gia’ rotto, andiamo bene.

Prima che iniziasse a piovere sono passato davanti al Massey Hall, vicino ad ove ieri (e pensavo oggi) si svolgeva il Just for Laughs festival, neanche il tempo di avvicinarmi che un bagarino mi “offre” il biglietto per lo spettacolo della sera, passa un minuto che altri 3-4 si fanno avanti. buffo.

nota: l’altro giorno la strada dove sono andato a vedere per la stanza si chiamava Baldwin St, pensate che buffo..

Read Full Post »

Saro’ veloce che ho sonno.

Finalmente un po’ di movida, anche se molto tranquilla.
Oggi mi sono organzzato meglio, orari piu’ nordamericani :)

Alle 19.30 circa (anzi le 7.30pm) ero al Just for Laughs Festival, e in effetti c’era da ridere, molti gli artisti di strada che intrattenevano le centinaia di persone presenti, ad alcuni spettacoli era impossibile vedere alcunche’ dalla quantita’ di persone. Una festa per i bambini insomma, di tutte le eta’.
(Fra l’altro mi e’ pure parso di vedere lei, falso)

Come da programma alle 9 sono ripartito per il Beaches Jazz Festival: In alcuni punti era impossibile camminare dalla quantita’ di gente presente, grandi, medi, piccini, a mandorla, neri, kkk (no, questi per fornuna rimangono nell’Illinois, mentre scrivevo mi e’ venuta in mente questa divertente scena di un po’ di anni fa), hiphop, un po’ di tutto insomma. Vivo.
Ho finito la serata in un Club, come li chiamano qua, The Annex Wreck Room su Bathurst Street, ma credo di aver sbagliato serata, vediamo la prossima volta.
ps: pero’ ho il timbro sulla mano (lavabile con acqua la prima volta:)

nota: se qualcuno dovess trasferirsi da queste parti, per sempre o per un periodo, consiglio vivamente di trovarsi un posto nella zona Annex, confrontata con NYC e’ un po’ un incrocio tra Soho ed il Greenwitch Village.
nota2: mentre scrivo questo post ho ricevuto la mia prima puntura da una zanzara nordamericana.

Read Full Post »

Ieri sera volevo tornare al Beach Jazz Festival. Solito giro bus+metro+bus, uscito dalla metro pero’ mi trovo spiazzato, c’e’ un altro festival! uno per ridere stavolta, il Just for Laughs, il famoso hahaha.com
Erano le 9.45 e stava per finire, mi dirigo allora alla mia meta originaria, ma anche questa e’ li’ li’ per terminare.

Nel frattempo ho visto un’altra stanza e mi sono beccato il secondo tizio in biblioteca che soffre di flatolenza romorosa, deve essere di moda andare a farle in biblioteca. ;-)

Devo abituarmi ad uscire presto la sera..

Read Full Post »

Stasera sono andato all Beach International Jazz Festival, ho alzato bandiera bianca.
E’ in effetti un altro mondo, in pratica hanno chiuso una strada dal 1897 al 2375, un bel pezzo, e ogni 100 metri circa un gruppo o un tizio suonava, dal tipo fermo immobile per due ore con chitarra e microfono, passando per il gruppetto jazz proseguendo con i gruppi rock e con l’orchestra, un po’ di tutto insomma. Ognuno aveva il suo pubblico, dalle ragazzine urlanti ai distinsi signori, accanto, a ballare o accennare segni di movimenti, molto giovani e molto anziani fianco a fianco, una neo-mamma aspirante frik, scene anche buffe.
Senza un filo di retorica alla fine sono venuto via con un po’ di vergogna addosso (stava anche chiudendo.. orario 19.00-23.00). Vedere Firenze che da questo punto di vista supporta iniziative di tizi morti da 500 anni fa venire una tristezza non indifferente.

La cosa bella e’ che qui, nonostante cio’ che dicono i locali, i mezzi pubblici funzionano e di traffico da parcheggio, nonostante la strada fosse piena di gente, neanche l’ombra. Puoi spostarti sul serio 24 ore su 24, capillarmente, per tutta la citta’.

Read Full Post »

Older Posts »